Sendapp: ll tuo WhatsApp Marketing sotto STEROIDI

Sendapp whatsapp

In un’epoca in cui la comunicazione digitale è diventata prioritaria nel mondo degli affari, gli strumenti di marketing digitale sono diventati essenziali per le aziende.

Uno dei modi più popolari di interagire con i clienti è attraverso i servizi di messaggistica istantanea come WhatsApp. SendApp è uno degli strumenti di marketing su WhatsApp più popolari, che offre a chi lo utilizza la possibilità di gestire in modo efficace e automatizzato la comunicazione con i propri clienti.

Introduzione a SendApp

SendApp, come suggerisce il nome, è uno strumento per la gestione del marketing tramite WhatsApp. Questo software può essere utilizzato per raggiungere i clienti, inviare messaggi automatici e personalizzati, organizzare i contatti e molto altro ancora.

Uno dei vantaggi principali di SendApp è la possibilità di inviare messaggi di massa a un numero elevato di contatti, senza dover scrivere manualmente un messaggio singolo ogni volta.

SendApp è uno strumento di WhatsApp Marketing che consente di inviare messaggi di marketing a persone tramite WhatsApp. La piattaforma è progettata per essere facile da usare e offre molte funzionalità utili per i marketer che desiderano utilizzare WhatsApp per promuovere i loro prodotti e servizi.

PROVA GRATIS SENDAPP 👇
 https://www.marcodasta.com/sendapp

Vantaggi del marketing su WhatsApp con SendApp

Ci sono molti vantaggi nell’utilizzo di SendApp per il marketing su WhatsApp:

  • Massima efficienza: SendApp consente di inviare messaggi personalizzati e programmarli in anticipo, risparmiando tempo e aumentando l’efficienza del servizio.
  • Livello di personalizzazione: L’utilizzo di SendApp permette di personalizzare il testo dei messaggi a seconda dei contatti, adattandolo alle esigenze specifiche di chi lo riceve.
  • Maggiore coinvolgimento dei clienti: l’utilizzo di una piattaforma di messaggistica come WhatsApp permette alle aziende di entrare in contatto diretto con i propri clienti, creando un rapporto più intimo e coinvolgente.
  • Risparmio sui costi: L’utilizzo di WhatsApp per il marketing può rivelarsi molto economico rispetto ad altri canali di comunicazione, come la pubblicità su Facebook o sui motori di ricerca.

PROVA GRATIS SENDAPP 👇
 https://www.marcodasta.com/sendapp

Perché Utilizzare SendApp?

SendApp presenta numerosi vantaggi quando si tratta di compromettere la tua audience con il tuo brand, ecco solo alcuni esempi:

  1. Personalizzazione dei messaggi di marketing, aumentando la probabilità di successo.
  2. Analisi delle statistiche di marketing, aiutando gli utenti a comprendere le performance delle loro campagne di WhatsApp Marketing.
  3. Migliora la comunicazione con gli utenti, aumentando il coinvolgimento e la fedeltà.
  4. Effettua marketing diretto agli utenti tramite le chat di WhatsApp, aumentando la portata della tua campagna.

PROVA GRATIS SENDAPP 👇
 https://www.marcodasta.com/sendapp

Conclusioni

SendApp rappresenta uno strumento efficace e semplice per il marketing su WhatsApp, offrendo agli utenti la possibilità di gestire la comunicazione con i propri clienti in modo completamente automatizzato.

L’utilizzo di questa piattaforma inoltre permette di personalizzare i messaggi grazie alla conoscenza dei contatti e del loro comportamento, aumentando il coinvolgimento dei clienti. Con i numerosi vantaggi che offre, SendApp è un strumento che ogni azienda dovrebbe prendere in considerazione per migliorare il proprio marketing digitale.

PROVA GRATIS SENDAPP 👇 
https://www.marcodasta.com/sendapp  

Ti piace questo post??? Condividilo con i tuoi amici

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on Linkdin
Share on Pinterest
WhatsApp
Telegram

E appena vuoi DAVVERO ottenere risultati nel tuo business… ecco i 4 migliori modi in cui posso aiutarti!!!

Ti posso interessare anche!

Kajabi è la miglior piattaforma per creare e vendere video corsi

Ho dovuto scrivere questo articolo qui sul blog per 1 motivo ben preciso…

Mi è stato chiesto -privatamente- da un mio cliente “Marco, ma Kajabi va ancora bene o devo far creare la piattaforma proprietaria?”

La mia risposta: Continua assolutamente ad usare Kajabi fino a che…

…te lo spiego alla fine il perché di questa risposta.

Vedi ormai va di moda dire devi farti la piattaforma proprietaria e ancora di più dire che “abbiamo investito centinaia di migliaia di euro per renderla quella che è oggi”.

…e poi perché se non hai una piattaforma proprietaria sei uno che non ha capito l’importanza di averla!

Ora amico mio, io voglio farti ragionare su alcune cosa…

Ammesso e concesso tutto, ma allora devi possedere anche:

• server

• player video

• eccetera eccetera

Fermo, quasi dimenticavo peggio ancora chi dice di averla ma poi è in wordpress con buddyboss.

O chi ha “palesemente” copiato ovens – si quello di consulting – non dicendo che il team di https://softwarecy.io/ te la ricrea uguale e gestisce a circa 1000 dollari anno. (guarda tu stesso)

Ti sto facendo capire il perché è una fesseria sta cosa del devi avere la tua piattaforma proprietaria.

Mia nonna TI direbbe “bravo u babbo” – nonna era saggia.

La verità è ti bastava usare Kajabi

Che sia chiaro io non ho nulla con chi ha la piattaforma proprietaria per ospitare i propri corsi, però non dite fesserie.

Però vuoi mettere la semplicità di pagare una fee mensile e di avere tutto li già pronto e senza sbatterti?

Non scherziamo nemmeno!

Kajabi è in continua evoluzione anche perché “ascoltano” le richieste dei clienti.

Quindi se la tua domanda è “devo continuare ad utilizzare Kajabi?”

Si utilizza assolutamente Kajabi!

…finché non creerai la tua “Kajabi“!

3 consigli per la Seo dei tuoi video YouTube

3 consigli per la Seo dei tuoi video YouTub

Ad oggi il secondo motore di ricerca è senza dubbio YouTube. Esso conta tanto traffico non sfruttato purtroppo, e tutto ciò perché viene sottovalutato. Si contano più 30 milioni di visitatori ogni giorno.

Di seguito ti mostro 3 strategie semplici, ma efficaci per ottimizzare i tuoi video su Youtube e posizionarli anche su Google.

Keywords

Proprio come la SEO su Google anche per i tuoi video è corretto trovare le “giuste” keywords (parole chiave). Uno degli obiettivi principali è quello di trovare le keywords dei risultati che si trovano in prima pagina su Google. Questa parte è importante per far si che le persone possano trovare i tuoi video anche nella ricerca organica su Google. Se cosi non fosse ti devi “accontentare” di ottenere il traffico solo da quelle persone stanno cercando il tuo video direttamente su YouTube o che lo vedono solo perché lo hai condiviso anche sui tuoi social. Al contrario, se ottimizzi per bene le parole dei tuoi video otterrai traffico direttamente dalla prima pagina di Google.

Il modo migliore per trovare le giuste Keywords è quello di fare una ricerca specifica nella tua nicchia. Dopo aver trovato le giuste parole chiave per i tuoi video, utilizza Keyword planner di Google per scoprire se la parola ha un volume di ricerca sufficiente ogni mese. Un buon volume di ricerca in genere dovrebbe superare almeno 300 ricerche ogni mese, se è maggiore meglio ma mettiti come limite minimo le 300 ricerche. Questo comporta che potresti ottenere una discreta quantità di ricerche su YouTube.

Video di alta qualità

Non dimenticare mai che su YouTube un’aspetto importante è il coinvolgimento degli utenti. Non è importante che tu spenda ore per provare ad ottimizzare un video per i motori di ricerca, se è di scarsa qualità non andrà da nessuna parte. YouTube giudica i video anche su come gli utenti interagiscono con esso.  E come fa a saperlo?

Ci sono una serie di metriche che YouTube utilizza per determinare se il video è di alta qualità o meno. Ad esempio, i commenti,le iscrizioni al tuo canale, le condivisioni che ottiene il video sui social, quante persone preferiscono il tuo video, i like che ottiene questo comporta che un video sia anche di alta qualità. Per tanto, produrre video di alta qualità fa si che le persone vi aiutano ad ottenere tutto ciò.

Descrizione

La descrizione del video di YouTube è molto importante. Sia Google che YouTube di solito si affidano alla descrizione del video per determinare il contenuto del video al fine di posizionarlo nelle posizioni più alte.

Dovresti impostare il video cosi:

• Mettere il tuo link nella parte alta del video.

• La descrizione dovrebbe essere di almeno 250 parole

• Nelle prime 25 parole della descrizione dovrebbe contenere la parola chiave.

• Includere la parola chiave 3-4 volte nella descrizione.

Altrettanto importanti sono i tag, titolo video. Utilizzali sempre in prospettiva SEO in mente.

Se fai bene queste, si vedrà una crescita esponenziale del tuo pubblico e posizionarlo per bene sia su Google sia su YouTube

Calendario PIENO Calendario vuoto

Ammettilo anche tu vuoi un calendario cosi pieno zeppo di appuntamenti IPER-qualificati e di qualità con persone perfettamente in target 🚀

Eppure stai seguendo alla lettera ciò che il tuo GURU-coso ti ha detto!

Vedi è proprio questo il problema, non esiste una strategia per tutti uguale, DIAMINE 🤬

Se hai una palestra dovrai usare per forza una strategia diversa da una macelleria.

E una macelleria userà strategie diverse da una macelleria che vende carne di KOBE o WAGYU da 200€ (o più) ogni 100grammi.

Sono tipologie di attività differenti con un pubblico totalmente differente e bisogni realmente diversi 😀

Tu hai bisogno di una strategia a 4 step cucita perfettamente sulla tua attività che ti permette di:

• Essere davanti gli occhi -continuamente- dei tuoi futuri clienti con la tua offerta (che non vuol dire sconto)

• Fargli esclamare LO VOGLIO SUBITO 🤑

• Alzare lo scontrino/carrello medio dando prodotti/servizi complementari a ciò che stanno già comprando facendoli entrare nel “mood” ERA CIò DI CUI AVEVO BISOGNO

Fidelizzarli dando assoluta esclusività nelle promozioni e farli diventare Ambassador cosi da portarti LORO nuovi clienti 🤑🤑🤑🤑🤑

Vedi questi sono solo alcune delle cose che potresti implementare nella tua attività a partire da oggi in completa autonomia…

oppure…

>> CLICCA QUI e scrivimi su whatsapp per capire come e se posso aiutarti nella tua attività 

Come fare A/B test con Elementor

Come fare A/B test con Elementor

Se sei nel settore del Business online anche tu puoi aver visto come sempre più marketer si stanno spostando da Clickfunnels ad Elementor.

C’è un motivo preciso sul perché? Sinceramente non c’è una risposta.

Clickfunnels è davvero un tool di marketing completo, ma anche io ho notato come sempre più persone illustri del settore stanno spostano i loro funnel su Elementor. Forse per il costo?

Anche io li utilizzo entrambi e posso confermarti che la scelta varia in base alla necessità che uno ha.

In ogni caso, oggi voglio parlarti di come fare A/B test con Elementor o split test per i più precisi. Sono la stessa cosa chiamati in modi differenti.

Aspetta Marco, io non so cosa voglia dire ne a/b test ne split test.

Bene, ma non benissimo, provo a fartelo capire con qualche esempio 🙂

Fare a/b test o split test, chiamalo come vuoi, io da ora in poi lo chiamerò a/b test, è una delle pratiche più interessanti per il tuo business per capire molti dati che ti servono ad intuire come convertire più clienti possibili.

Ora mettiamo il caso che tu hai una landing page creata con Elementor, proprio come la mia qui nello screenshot e che i tuoi visitatori non convertono, ovvero non lasciano la mail (in questo caso).

Tu cosa devi fare? Devi capire cosa è la causa del fatto che il visitatore della tua pagina non ha lasciato la mail o non ha fatto una determinata azione.

Guarda con attenzione questo screenshot

Questa è la landing page del mio blog, come vedi è molto semplice, e contiene:

  • Il titolo – Come trovare nuovi clienti online…
  • Il sottotitolo – …scopri il metodo che ti permette….
  • Una mia foto – non faccio commenti su questo! 😀
  • Una descrizione di cosa ho fatto negli ultimi anni
  • Un pulsante – Richiedi la tua consulenza….

Ora cosa potrebbe essere il fatto che un visitatore del mio blog non mi ha lasciato la mail?

Le cause possibili sono infinite, ma diciamo che in media le problematiche più diffuse sono:

  • Titolo – header
  • Sotto titolo – sub header
  • Colore del pulsante

Ecco che qui entra in gioco l’ A/b test con Elementor.

Ovvero cambiare una determinata parte della landing page come ad esempio il colore del pulsante in verde o direttamente il titolo e magari vedrai aumentare il numero delle conversioni.

Ricorda che ogni singolo visitatore della tua landing page è differente e quindi risponderà in modo diverso.

Quindi l’a/b test per riassumere è la strategia che ti permette, partendo da una pagina di controllo (pagina A), capire e cambiare parti di una pagina, o una pagina stessa, e migliorarla fino ad ottenere il numero maggiore di conversioni. (pagina b)

E anche nella pagina B puoi fare a/b test con Elementor per vedere quale pulsante converte meglio.

Ti faccio vedere uno screenshot per farti capire meglio.

Marco, anche io utilizzo Elementor, ma come posso fare?

Ci arriviamo passo passo.

Elementor purtroppo non ha questa funzione integrata, ad oggi, ma oggi ti sto per rivelare Come fare A/B test con Elementor.

Scarica il plugin A/B test per Elementor

Quello che ti serve per fare A/B test con Elementor è un plugin, lo trovi cliccando il link

—> scarica il plugin

Ora clicca il pulsante per poterlo scaricare e installalo sul tuo wordpress. E’ molto semplice da installare. Finita l’installazione vedrai una nuova icona nella tua sidebar di back-end.

Ottimo, ora che hai installato il plugin a/b test per elementor, dobbiamo iniziare ad usarlo giusto?

Quindi mettiti bello che comodo che stai per far aumentare le conversioni della tua landing page 🙂

Importante: nella versione gratuita hai fino a 5 A/B test, nella versione premium da 49 dollari annui hai illimitati A/B test. Sono meno di 4€ al mese, quindi ti consiglio di prendere la versione premium.

Come funziona A/B test per Elementor?

Ti ricordo che puoi fare a/b test per diverse pagine, per diversi titoli, per diversi pulsanti… ci siamo capiti puoi split test su ciò che vuoi e che pensi possa aumentare le conversioni della tua landing page.

Mettiamo il caso che il nostro a/b test sia rivolto alla modifica di una specifica sezione della tua landing page – in questo caso above the fold – ecco gli step da fare.

Ti numerato gli step cosi sai come muoverti meglio.

1 – Quindi selezioni la sezione da modificare nella tua landing page e che sarà la pagina di controllo del tuo a/b test.

2 – Selezioni su avanzato e subito dopo clicca su split test dove andrai a dare il nome a cosa stai facendo il tuo test.

3 – Nell’immagine vedi che il nome è appunto above the fold perché io sto testando la parte superiore della landing page, ovvero ciò che le persone vedono nel momento in cui visitano il mio blog.

In questo passaggio dovrai impostare anche come avviene la conversione, quindi per esempio una pagina di ringraziamento (thank you page).

Qui scatta la conversione e tu sai che le persone che vedono questa sezione convertono di meno o contrariamente di più.

4 – Dovrai impostare sia la variazione del tuo a/b test, come per esempio variazione 1.

Io ho messo variante 2, perché questa è la variante della pagina principale che sto testando.

Questa qui sotto è la variante 1.

Come puoi ben notare è pressapoco la stessa pagina ma con delle variazioni come

  • Pulsanti – ne ho inseriti due
  • Colore di sfondo – tutto blu scuro
  • Sotto titolo modificato

Marco, ma come faccio a vedere le statistiche del mio a/b test elemento e capire cosa converte meglio?

Hai ragione, ti mostro subito come e dove vedere le tue statistiche e come capire cosa converte meglio.

Ti basta tornare sulla tua dashboard, andare su split test e selezionare il tuo A/B test che hai appena creato.

Come vedi hai possibilità di:

  • Vedere le statistiche
  • Modificare il tuo split test
  • oppure cancellarlo

Sono sicuro che dal momento in cui ci prendi un pò la mano, sarà sempre più semplice.

Conclusioni

Spero davvero di essere stato il più preciso possibile e di averti aiutato nel creare il tuo primo A/B test con elementor.

Fammi sapere anche nei commenti se hai visto le tue conversioni aumentare o se in generale hai visto dei miglioramenti nel tuo split test.

Stavo pensando di creare un video a riguardo sul come creare a/b test con elementor, fammi sapere nei commenti se ti potrà essere utile.

PS: ti consiglio di usare Elementor pro

link al plugin da scaricare —> scarica il plugin

Richiedi la tua 4STEP Call GRATUITA DI 45 minuti!!!

Ci vogliono meno di due minuti per schedulare la tua consulenza strategica GRATIS con me.

Voglio lavorare solo con gente volenterosa di agire sin da subito e vedere il tuo Business crescere sin dalla prima settimana da quando abbiamo fatto la nostra consulenza strategica.

Ti basta selezionare il primo giorno disponibile e scegliere un orario in cui si svolge la nostra chiamata gratuita.

…semplice, veloce, efficace!

ti aiuto da subito a capire come iniziare ad avere risultati con il tuo business

Lasciati aiutare e ricevi la soluzione migliore per te!

…lo completi in meno di 1 minuto..

Ore
Minuti
Secondi

Vorresti essere richiamato entro 28 secondi???

Cosi possiamo parlare direttamente al telefono e capire come posso aiutarti a far crescere il tuo Business…

La chiamata è 100% gratuita… offriamo noi! 😀

Bisogno di aiuto? Scrivimi!

WhatsApp

Messenger

Non andare via a mani vuote!!!

Ti invito ad entrare nella nostra incredibile community di Imprenditori Digitali assolutamente GRATIS!

…sei ad un solo passo dal poterti unire tra i migliori imprenditori in Italia di marketing digitale, dove ogni singolo potrai confrontarti con PERSONE che sono disposte ad aiutarti per farti raggiungere il tuo obiettivo e far crescere il tuo Business… Non perdere questa opportunità

uplevel marketing elite marco dasta

Richiedi ora la tua consulenza gratuita di 45 minuti

Condividi con i tuoi amici